Aprire una palestra: come avviare un’attività nel settore fitness

Aprire una palestra: come avviare un’attività nel settore fitness

Fare business nel settore fitness può essere estremamente redditizio, ed il mercato in Italia è favorevole. Si tratta di uno dei settori che risentono meno della crisi, ma la concorrenza è molto elevata, sia che si tratti di grandi centri super attrezzati che di piccole palestre di quartiere.

Attualmente, le palestre sono regolamentate dalla normativa regionale. Si consiglia, innanzitutto, di informarsi sulla legislazione locale presso la Camera di Commercio o le associazioni di categoria. Per aprire una palestra, la parte amministrativa prevede l’apertura della Partita IVA, la regolarizzazione INPS ed INAIL per sé ed i dipendenti, l’iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, la comunicazione di inizio attività all’ASL al fine di ottenere il rilascio della Certificazione di Idoneità Sanitaria e la denuncia di inizio attività (DIA) presso il comune in cui la struttura è situata. Occorre allegare alla denuncia di inizio attività una serie di documenti relativi alle generalità del gestore, alle tipologie di attività svolte ed alla conformità degli ambienti. Occorre altresì procedere con la richiesta di valutazione dell’agibilità dei locali e dei rischi ai sensi della legge 626/94 e la richiesta dell’autorizzazione comunale per l’esposizione di insegne sulla pubblica via.

Se la superficie è superiore a 200 metri quadrati, è necessario essere in possesso di un apposito certificato di prevenzione incendi, rilasciato dai Vigili del Fuoco. È altresì prevista la sottoscrizione di una polizza assicurativa contro gli infortuni e le malattie professionali, e, per la diffusione di immagini e musica all’interno dei locali, è necessaria la regolarizzazione dei contributi SIAE.

Si dovrà eleggere un responsabile della attività, che sia in possesso di una laurea in Scienze Motorie, un diploma presso l’Istituto superiore di educazione fisica (ISEF) o un titolo equipollente. Occorre poi redigere documenti inerenti la manutenzione delle attrezzature, dei macchinari e degli impianti, che dovranno essere sottoposti a controlli periodici, ed occuparsi degli adempimenti relativi al decreto legislativo 81/2008 per la valutazione dei rischi nelle attività sportive.

Per l’avvio dell’attività nel settore fitness l’investimento iniziale potrebbe essere considerevole, principalmente perché occorre acquistare macchinari ed attrezzature di qualità. Le altre spese saranno legate all’acquisto o all’affitto degli spazi, all’allestimento di base, alle utenze ed alle ristrutturazioni ed adeguamenti di bagni, docce e quant’altro a norma di legge. È molto importante che gli impianti tecnologici, in particolare quello elettrico e di aerazione, rispettino le norme di sicurezza.

C’è poi da considerare l’arredo spogliatoi e dei servizi igienici interni, che dovranno essere divisi per sesso, l’allestimento della reception e delle aree comuni, e l’installazione di specchi, vetrate, pavimentazioni, infissi e porte.

Il locale in cui si terranno le attività deve essere sufficientemente spazioso, luminoso e, possibilmente, ubicato in aree prive di concorrenti diretti, ma, al contempo, con un ampio bacino di utenza. L’ideale sarebbe posizionarsi nei pressi di un’area facilmente raggiungibile, ad alta densità di uffici, con parcheggi adiacenti o, comunque, nelle vicinanze.

Se partite da zero, il consiglio è quello di rilevare una palestra già esistente, per ridurre i costi, o iniziare con una palestra di piccole dimensioni, per poi crescere con il tempo.

È fondamentale frequentare regolarmente corsi di aggiornamento, al fine di fornire un servizio di qualità, e differenziarsi dalla concorrenza con attività sportive specifiche, come, ad esempio, corsi di pilates, arti marziali, yoga, pole dance, corsi premaman o dedicati agli anziani, a seconda delle necessità del vostro target di utenza.

About the Author

Laura Musig Siti internet ad Udine. Consulente SEO. Webmaster di Donna e Dintorni Blog per donne 2.0

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector