Arrestato il killer delle tre missionarie italiane in Burundi

Arrestato il killer delle tre missionarie italiane in Burundi

 

Come trionfalmente annunciato prima in una conferenza stampa e poi sul sito ufficiale del governo del Burundi, la polizia ha effettuato un arresto per il massacro di suor Lucia Pulici e suor Olga Raschietti, di 75 e 83 anni, avvenuto domenica pomeriggio e di suor Bernardetta Boggian, di 79 anni, che è stata invece uccisa nella notte tra domenica e lunedì sempre nel loro convento a Kamenge, nella poverissima periferia nord della capitale Bujumbura.

Nel comunicato il portavoce della polizia, il colonnello Helménegilde Harimenshi, spiega che all’arresto si sarebbe arrivati nella notte di martedi 9 settembre tramite il telefono cellulare di una delle vittime, venduto dal sospettato a un giovane che avrebbe sporto denuncia dopo aver letto alcuni sms in italiano. Una volta fermato Butoyi avrebbe dichiarato, spontaneamente e con un viso impassibile "Le ho violentate, e poi le ho uccise".  E poi ha spiegato il suo gesto dicendo che "sono degli stranieri che occupano la mia proprietà".

"La notizia dell’arresto del sospetto è confermata e l’impressione è che questa possa essere la pista giusta". Queste le parole di padre Mario Pulcini, superiore dei saveriani in Burundi, raccolte dalla MISNA dopo l’inizio delle cerimonie per l’addio alle tre missionarie saveriane.

L'agenzia stampa belga-burundese Bujumbura rende noto che malgrado la confessione, non tutti i giornalisti presenti alla conferenza stampa sono stati convinti dalle spiegazioni del colonnello Harimenshi, e molte domande sono rimaste irrisolte. Poche persone credono che Butoyi avrebbe potuto far tutto da solo, soprattutto introdursi di nuovo nel convento, uccidere la terza religiosa e ripartire tranquillamente mentre c'erano dei poliziotti che svolgevano indagini e perquisizioni.

Inoltre il motivo avanzato per questo massacro sembra davvero futile, soprattutto se si considera Butoyi ha vissuto gran parte della sua vita in Congo, Paese dove hanno lavorato le tre religiose, e che è ritornato in Burundi otto anni fa, cioè quasi nello stesso momento in cui sono arrivate le tre missionarie a Kamenge.

About the Author

Gli amministratori di OpenWorld

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector