Il flame sulla colletta alimentare

Il flame sulla colletta alimentare

Oggi, ultimo sabato del mese di novembre, si tiene la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare: in molti supermercati di tutta Italia è possibile fare la spesa per i più bisognosi acquistando prodotti destinati ai più poveri consegnandoli alle squadre di volontari posti all'esterno e all'interno dei punti vendita. La colletta è nata nel 1997 dall'Onlus Banco Alimentare, il quale nasce per volere di Don Giussani e del suo movimento cattolico Comunione e Liberazione.

Sappiamo parecchio su CL - soprattutto quanto sia influente in Lombardia e nel Pirellone di Formigoni - mentre sappiamo davvero poco sul Banco e sulla Colletta Alimentare. Non voglio entrare nel merito se sia giusto o sbagliato che a proporsi come benefattore per i più poveri sia una delle lobby più influenti nella politica italiana (non per nulla CL viene definita "lobby di Dio"), però, ad essere sincero, non mi dispiace nemmeno che sia una comunità cattolica ad occuparsi della colletta.

Ed eccoci al motivo di questo post.

Nella tarda mattinata di oggi, il collettivo Wu Ming - un quartetto di scrittori bolognesi che hanno sempre evitato di farsi riprendere e fotografare, ma che riscuotono molto successo con i loro romanzi - scrivono su Twitter una cosa che a distanza di oltre cinque ore sta esasperando gli animi degli utenti:

Apriti cielo! Il post di WMF ha creato un flame da non credere, con prese di posizione persino di Gianni Riotta, di famosi giornalisti e di semplici utenti che dicono, a gran voce, come è possibile che dei personaggi noti chiedono di boicottare la colletta solo perché ad organizzarla è CL.

I vari tweet sono stati retwittati all'infinito, e ne è nato uno sciabordìo di accuse e di rilanci sul come e perché è possibile fare certe cose. Dall'altro lato ci sono, logicamente, chi difende il collettivo Wu Ming ma nessuno, se non in pochi, sia da un lato che dall'altro, si è preso la briga di capire ciò che leggeva.

Qualcuno ha anche ipotizzato quanto materialistico sia il post del collettivo, tanto che è stato persino riportata la differenza tra i guadagni del gruppo di scrittori e quello di un poveraccio a cui la colletta alimentare cerca di dare aiuto. Qui passerei decisamente oltre.

Dal flame infinito è venuto fuori non date niente e da qui "boicottate colletta alimentare". Ciò che è stato detto, invece, era semplicemente "noi non diamo niente". Quindi un pensiero assolutamente personale e senza richiesta di fare altrettanto. Certo, poi va da sé che i commenti degli opinion leader diventino la Bibbia del sapere, ma in questo caso fa specie constatare come qualcuno si sia indispettito perché alcune persone non credono alle finalità filantropiche di Comunione e Liberazione.

Non posso dar torto a WMF, anche perché leggere una semplice riga e fare l'analisi del testo non è granché difficile.

Il trend topic del post è, naturalmente, #collettalimentare.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

3 Comments
  1. 26 novembre 2011 at 19:59
    Reply

    perdonami ma mi sembra tu ti stia arrampicando sugli specchi. dire "noi non diamo niente" equivale a dire "noi boicottiamo" e se wu ming dice "noi boicottiamo" non è per aggiornare lo status su facebook ma per invitare a fare altrettanto. Comunque ne sto per scrivere da me, perché le cose da dire sono molte

    • 26 novembre 2011 at 21:15
      Reply

      Marco, anche no! Per come la vedo io WMF volevano aprire un flame su CL, non tanto sulla colletta. Solo che per colpa di qualcuno - anche loro, per carità - la patata s'è girata sul banco alimentare e su Einaudi. Insomma, alla fine si stanno facendo un bel po' di pubblicità gratis per il nuovo libro (e che ti pareva?)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector