Cosa succede al Corriere

Cosa succede al Corriere

Ieri il Foglio, in un lungo articolo di Paola Peduzzi, ha raccontato quello che sta succedendo in Via Solferino, con i pesanti tagli proposti dall'amministratore delegato Pietro Scott Giovane, traducendo un piano industriale che porterebbe il trasferimento del personale dalla sede storica al centro di Milano alla periferia nord-est della città, in via Angelo Rizzoli, nei tre palazzi e la torre ideati da Stefano Boeri a due passi dal parco Lambro, posto in cui si trova già un bel pezzo di Rcs Mediagroup: i periodici, i Libri, la pubblicità, i new media e gli uffici di staff. Un lungo articolo a metà tra inchiesta e racconto stile americano.

L’amministratore delegato di Rcs, Pietro Scott Jovane, ha annunciato un piano triennale di ristrutturazione lacrime e sangue, “quel che la Merkel fa con il resto dell’Europa, per intenderci”: austerità pura, rigore nei conti, tagli drammatici. E il rilancio? Più avanti ci si penserà, forse – replica fedele di quanto la governance europea ha fatto all’inizio della crisi dell’euro, salvo poi accorgersi che senza strategia per la crescita nemmeno il rigore più estremo può avere successo. I numeri del piano sono corposi: un risparmio di 80 milioni in tre anni, 800 persone considerate in esubero, di cui l’80 per cento in Italia (il resto in Spagna), così distribuiti: 270 in via Rizzoli, 110 giornalisti dei periodici (su circa 250, di cui buona parte nelle dieci testate messe in vendita o, se non si trova un acquirente, da chiudere: Novella 2000, Visto, A, Max, Astra, Ok Salute, Bravacasa, L’Europeo, Yacht & Sail e le testate dell’enigmistica), 110 giornalisti al Corriere (su circa 350), tra 30 e 40 giornalisti alla Gazzetta (con i quali si è arrivati a un accordo che prevede anche la riduzione degli stipendi), 100 poligrafici. Gli amministrativi sono terrorizzati: loro non sono come i giornalisti, che appena li tocchi scatenano campagne di stampa devastanti, loro si sentono già sacrificati.

Continua a leggere sul sito del Foglio

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector