Dove osano le aquile

Condor chiude!

Ma è già storia vecchia ed io, non proprio definibile un assiduo ascoltatore per via dell'ora, non ho scritto nulla per svariati motivi (lo hanno fatto in tanti prima di me e tutti più bravi di me). Ne parlo oggi perché, leggendo l'addio di Matteo Bordone, mi è venuto un briciolo di magone come se in dieci anni non mi fossi mai perso una puntata.

"Le ultime settimane di programma sono state intense, divertenti, scasciate, delicate, commoventi per quello che succedeva intorno a noi, sia nei corridoi di Corso Sempione che nel dispiacere e nei ringraziamenti degli ascoltatori. È finita con un groppone da fine di un bel film, di quelli che mia nonna diceva sempre «Bellissimo. Ho fatto tanto di quel piangere!» [...] Alcuni di quelli che ho conosciuto alla RAI mi hanno insegnato tante cose. Di alcuni sono diventato amico. Altri mi hanno fatto girare le balle, ma poi mi è passata sempre. A tutti, e alla RAI stessa, dico semplicemente grazie dal profondo del cuore. I miei genitori mi hanno insegnato che si fa così."

Matteo e Luca dicono di essere contenti lo stesso. Dicono. Intanto però il Condor non vola più e al suo posto pare arrivi un reality.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector