Fornello da campeggio: una storia del fuoco per mangiare all’aria aperta

Fornello da campeggio: una storia del fuoco per mangiare all’aria aperta

Il pratico fornello da campeggio, moderno successore dell'antico fuoco

Essenziale per cuocere i cibi quando si è in campeggio, il fornello è una versione molto funzionale del fuoco che permette di mangiare come a casa propria.

L'invenzione dei fornelli da campeggio ha permesso agli amanti dell'avventura e della vita all'aria aperta, a contatto con natura, di liberarsi dalla necessità di accendere un fuoco per cuocere il cibo. Attualmente si può cucinare, preparare piatti caldi, un tè o un caffè o altre pietanze persino se ci si trova in luoghi sperduti. Che il viaggio sia lungo o di breve durata, la comodità del fornello è notevole, per i campeggiatori, i camperisti e gli escursionisti. Alcuni preferiscono evitare di dover cucinare, mangiando cibi freddi, panini e frutta ma il comfort del fornello è innegabile, in particolare per gli sportivi che ci tengono a nutrirsi in modo completo e per coloro che hanno piantato la tenda in zone dal clima freddo.

Il fornello da campo ha un certo peso e una dimensione più o meno grande ed occorre tenerlo presente, sebbene al giorno d'oggi siano disponibili prodotti molto compatti e leggeri. Utilizzare questo attrezzo significa comunque anche dover portare accessori indispensabili come le bombole di gas di riserva, pentole e padelle, molta acqua per la cottura, oltre agli alimenti e ai relativi condimenti. Il disagio del peso non si pone se ci si sposta in auto o in camper ma quando il viaggio è effettuato in mountain bike o addirittura a piedi può diventare un vero problema. In base al genere di vacanza, alle condizioni climatiche del posto e alla durata del viaggio, occorre considerare quanto è conveniente portare con sé il fornello da campeggio. Un fine settimana estivo o il soggiorno in un luogo vicino a supermercati e ristoranti non richiede necessariamente questa attrezzatura. Viceversa, una vacanza prolungata in zone lontano dalla città o con un clima rigido rendono il fornello davvero importante, a meno che non si decida di accendere il fuoco come ai tempi antichi, se è permesso dalle leggi locali.

Le differenze principali tra i vari modelli di fornello dipendono dal peso, dalla dimensione e dal tipo di combustibile impiegato, ma esistono anche quelli elettrici. Le prime due caratteristiche sono in relazione allo spazio disponibile nel mezzo di trasporto o nello zaino. Il combustibile può essere il gas, l'alcool oppure l'attrezzo può essere multicombustibile. Alcuni non rendono molto con temperature ambientali basse ed altri possono non essere facili da trovare in molte nazioni. Inoltre ci sono fornelli da campeggio che necessitano di un'accensione più complessa e di più manutenzione. Tra i più utilizzati ci sono i modelli a gas, alimentati con cartucce di butano e propano, che presentano anche 3 o 4 fuochi. Si accendono istantaneamente, anche senza bisogno di fiamma perché alcuni sono piezoelettrici, ma con il freddo e ad altitudine elevata possono non essere pienamente efficienti. Bisogna poi considerare che, se si va in campeggio in giro per il mondo, in alcune zone come Africa, Asia e Sud America, non si trovano le bombolette di gas.

I fornelli da campo o altri modelli, possono essere simili a quelli dei piani cottura per la casa, con fuochi di diverse misure, ma l'ingombro ed il peso della bombola richiedono l'automobile o il camper. I modelli a bistrò sono di ridotte dimensioni e leggeri con bombola piccola e interna. I fornelli con cartucce, vendute in specifici negozi, sono i più piccoli e indicati per i campeggiatori a piedi e in bicicletta. I meno potenti fornelli ad alcool, combustibile facile da trovare anche in Paesi stranieri, sono i più piccoli ed economici, anch'ssi perfetti per le escursioni a piedi o in MTB. I modelli multicombustibile, più potenti e costosi, funzionano a gasolio, benzina, diesel o alcool.

I fornelli elettrici, con una o due piastre, sono molto leggeri, necessitano di una colonnina elettrica del campeggio e non risentono del problema del vento che spegne la fiamma. Tra le altre versioni di fornello ci sono quelli a combustibile solido, in tavolette, piccoli e pratici. Quelli a legna, evoluzione del fuoco del passato, sono adatti per viaggi prolungati in zone estere lontane, dove può essere difficile o impossibile reperire altri combustibili o elettricità. Alcuni recenti modelli sono però in grado di produrre corrente elettrica mentre bruciano il legno o altre biomasse.

About the Author

Laura Musig Siti internet ad Udine. Consulente SEO. Webmaster di Donna e Dintorni Blog per donne 2.0

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector