Frase della settimana

Negli Stati Uniti, se qualcuno si candida a fare il governatore di uno Stato, lo rivoltano come un calzino e raccontano perfino se ha fumato uno spinello quando aveva 18 anni e frequentava l`università, ricostruendo tutto, ma proprio tutto, del suo passato. L`articolo di Libero sulla Bonino dunque non è né un attacco personale né un`offensiva contro la legge 194. E solo informazione: so che è difficile capirlo. Ancor di più so che è difficile praticarla.

Maurizio Belpietro (che dunque pubblicherà anche le vicende extra politiche del premier)

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

7 Comments
  1. Hirondo
    24 gennaio 2010 at 19:44
    Reply

    sai, quando leggo 'ste cose mi girano quelle "pelotas" che non ho. perché è vero che la Bonino sfidò sanguinosamente lo stra-perbenismo dell'epoca, insieme ad Adele Faccio. ma lo scopo di allora - o almeno ciò che ne ho capito io - non era proprio quello che ora si vorrebbe far apparire o che fa presa sull'immaginario. lo scopo di allora era arginare la mattanza ad opera dei cosiddetti "cucchiai d'oro" e delle mammane, a cui ricorrevano nascostamente tante donne. nonché, nello stesso tempo, diffondere l'uso della contraccezione più che il "diritto all'aborto". e resta una battaglia che bisogna collocare nel tempo in cui fu fatta. in ogni caso, pur fra mille polemiche, ottenne una legge, magari perfettibile e soprattutto ottenne, anche se penso un po' a fatica, il diffondersi del "diritto alla contraccezione". tant'è vero che oggi proprio quelle statistiche tanto amate da alcuni ci dicono che - a parte qualche ragazza inesperta e i "casi sanitari" - non son le donne italiane a ricorrere all'ultima spiaggia dell'aborto bensì proprio le straniere. e spesso lo fanno per non perdere il lavoro.

  2. 24 gennaio 2010 at 20:32
    Reply

    In realtà era proprio quello che voleva dire Facci, ma io ho puntato sulla frase di Belpietro sia per il motivo tra parentesi, che per non impelagarmi sul discorso 194 che sarebbe troppo scomodo e lungo da sintetizzare in un misero commento.

  3. 24 gennaio 2010 at 20:32
    Reply

    Grande Facci! Sempre così coerente, amichevole, che parla sempre dei fatti, che quando si tratta di smentire gli altri non attacca le persone, ma parla degli avvenimenti.... P.S. Ma a cagare ci andrà mai?

    • 25 gennaio 2010 at 14:13
      Reply

      Forse non hai letto l'articolo o visto il filmato di Facci?

  4. Hirondo
    24 gennaio 2010 at 23:54
    Reply

    ehm Jack, io non avevo aperto il link, l'ho fatto ora. è che ho letto "Belpietro" e avevo già avuto sentore della polemica oltre a bastare la frase che hai riportato a "farmele girare" per la sua tentata importazione del perbenismo gossiparo americano. e non è che l'avessi fatto avrei detto qualcosa di diverso, tranne che forse non avrei detto nulla, trovandomi d'accordo con Facci seppur molto a grandi linee. in più, se la memoria non m'inganna, una quindicina di anni fa Emma Bonino fu eletta a Padova con l'uninominale per il "Polo delle libertà", e fu poco prima di venir nominata commissario europeo.. e chi vuole intenda, non aggiungo altro.

    • 25 gennaio 2010 at 14:21
      Reply

      Non si tratta di perbenismo ma "<i>solo informazione</i>". Da qui deduco, o potrei/dovrei farlo, che da oggi Libero pubblicherà anche le cose scomode del premier. Tutto qua. I radicali, come hai benissimo evidenziato, non sono prettamente ne' a destra ne' a sinistra (come la Lega?), per cui si alleano - sulla carta - con chi condivide il loro programma o parte di esso. Quindi non è strano che si alleino con il Pdl ieri e il Pd oggi: è solo politica, ed è anche in qualche modo coerente col loro modo di farla. Può sembrare sbagliata, ma è il loro modo di fare e non sta a me giudicare le alleanze ma eventualmente come fanno politica in quel contesto di governo. Credo comunque che la Bonino - come i radicali più in generale - siano stati quasi sempre coerenti con i loro principi, e se vogliamo approfondire ancora di più, basti pensare che Capezzone da segretario radicale è diventato portavoce di Berlusconi... basta?

  5. Hirondo
    25 gennaio 2010 at 16:01
    Reply

    :D pretendi troppo ché a questo ci pensa già "repubblica"! la Lega ha (o forse aveva) tante anime. proprio come i radicali quando nacquero.e nello stesso modo è stata alquanto "demonizzata" un po' da tutti nella sua anima radicale. ;) però io volevo dire un'altra cosa: che, a quanto ricordo vagamente perché di solito sorvolo, gli attacchi alla Bonino, all'epoca cui ho accennato, se ci son stati non avevano la stessa origine. e che 'ste cose, in generale, servon solo a distogliere l'attenzione dalle vere, effettive scelte della politica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector