Huffington Post in Italia con L’Espresso

Huffington Post in Italia con L’Espresso

Stamattina Repubblica e Arianna Huffington hanno annunciato l'accordo per portare lo Huffington Post anche in Italia:

Gruppo Espresso e Huffington Post Media Group annunciano l'accordo per la costituzione di una joint venture per il lancio de L'Huffington Post Italia, edizione italiana di The Huffington Post, uno dei più importanti siti web americani di informazione. La partnership nasce dall'unione della potente piattaforma dell'Huffington Post con l'autorevolezza del Gruppo Espresso.

La joint venture sta iniziando la selezione di un team editoriale in preparazione del lancio del nuovo sito, che avverrà nel 2012. L'annuncio congiunto viene dato da Arianna Huffington, Presidente e direttore di The Huffington Post Media Group, e da Monica Mondardini, Amministratore delegato di Gruppo Editoriale L'Espresso.

L'Huffington Post Italia beneficerà delle competenze editoriali e della leadership del Gruppo Espresso nonché della formula di grande successo di The Huffington Post, che miscela cronaca, aggregazione di contenuti e strumenti di interazione all'avanguardia, oltre a una vivace ed evoluta piattaforma di blogging.

Dopo il lancio in UK, Canada, Francia e Spagna, vedremo uno dei migliori prodotti d'informazione online anche in lingua italiana.

Naturalmente è già iniziato il toto-direttori, tant'è che Riccardo Luna - ex direttore di Wired Italia e attuale collaboratore tecnologico di Repubblica - su Twitter e su Facebook si è praticamente auto-candidato

Mi fa molto piacere che una delle nostre migliori firme dell'innovazione sia uno dei candidati. Oltretutto credo che possa veramente far bene.
E però mi piacerebbe ancora di più che lo HuffPost italiano servisse principalmente a lanciare nuovi talenti: perché se innovazione vuole essere, quella dell'informazione dal basso della versione americana, allora non abbiamo bisogno di Riccardo Luna bensì di un emerito sconosciuto che porti innovazione e talento proprio per la normalità di essere uno sconosciuto.

C'è un'unica cosa che mi auguro: chiunque sarà il direttore farà bene a ricordarsi che gli stagisti - ma anche i blogger - si pagano; faccia in modo di non farla diventare un'altra versione di precariato patinato perché possiamo benissimo farne a meno.
Per il resto in bocca al lupo all'italian HuffPost, e che il nome porti bene.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector