I cuccioli di Gattopardo

“Io e Umberto prima o poi dobbiamo essere sostituiti”. Nell’intervista a Repubblica Silvio Berlusconi lancia l’operazione padri nobili. Vale a dire un Pdl e una Lega che mostrino al popolo la faccia dei successori.

Alfano per i berluscones e chissà chi per il Carroccio.

Fosse vero, e stavolta probabilmente lo è, il centrosinistra farebbe bene a non sottovalutare la svolta. Perché una soluzione “pilotata” alla crisi del centrodestra, pur suonando vagamente  gattopardesca, è capace di recuperare quel pezzo di mondo moderato che il berlusconismo ha lasciato per strada.

Nel 2013 – o prima – non basterà dire ai quattro venti che dietro i figli ci sono dei vecchi e discutibili papà. Perché di aspiranti gattopardi ce ne sono non solo in Parlamento, ma abbondano anche tra gli elettori.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector