Macchine e attrezzature per l’edilizia: ecco come orientarsi

Macchine e attrezzature per l’edilizia: ecco come orientarsi

Le macchine per la compattazione, le macchine per la pulizia e le macchine carrellate per il trattamento delle superfici: sono solo alcuni esempi tra le numerose macchine e attrezzature per l'edilizia che vengono utilizzate dalle aziende del settore per le molteplici lavorazioni in cui sono impegnate. Dai costipatori alle idropulitrici, dalle idro-sabbiatrici agli aspiratori di liquidi, dalle scarificatrici a carrello alle levigatrici a carrello, ogni strumento permette di soddisfare una specifica esigenza garantendo il rispetto dei più elevati standard di qualità. Anche i mescolatori a secchio e i mescolatori annuali rientrano nella categoria, che include - inoltre - gli aghi vibranti per calcestruzzo: questi ultimi possono essere distinti in aghi vibranti pneumatici, aghi vibranti ad alta frequenza ed aghi vibranti elettrici.

Dai demolitori agli elettroutensili professionali, passando per le attrezzature per i piastrellisti, i montacarichi, gli elevatori, le seghe per le piastrelle, le seghe per il legno, i frattazzi, le troncatrici, le colle, le chiodatrici e gli avvitatori, la lista delle macchine e attrezzature per l'edilizia impiegate per la costruzione o la ristrutturazione di fabbricati è davvero molto lunga, e include - tra l'altro - anche i misuratori, i tracciatori, i gruppi elettrogeni, le chiodatrici ad aria compressa, i trabatelli, le chiodatrici a gas, le schiume per i coppi, i dischi abrasivi, i dischi diamantati e i perforatori.

Per il taglio del marmo, e in generale dei materiali più duri, c'è bisogno di strumenti che non siano solo in grado di risultare resistenti, ma che garantiscano anche i più elevati livelli di precisione: è il caso delle perline con filo diamantato, il cui numero varia - in genere da 26 perline per metro a 40 perline per metro - in funzione del materiale che deve essere lavorato. A formare i fili diamantati è un cavo in acciaio composto dalle perline stesse, che non sono altro che dei cilindri di piccole dimensioni che permettono di fendere i blocchi di marmo per poi staccarli. Le operazioni di taglio possono essere a secco o a umico, a seconda che vengano condotte senza acqua o con acqua.

Anche se non si è esperti del settore, pertanto, si può facilmente intuire quanto sia elevato il livello di tecnologia che caratterizza tutti questi macchinari, pensati per assicurare il massimo della funzionalità e al tempo stesso per offrire risultati decisamente apprezzabili dal punto di vista estetico. Risultati che è possibile ottenere solo se si fa riferimento a soluzioni innovative e all'avanguardia.

About the Author

Gli amministratori di OpenWorld

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector