La Nsa intercetta i computer non connessi a internet

La Nsa intercetta i computer non connessi a internet

Secondo le ultime rivelazioni del New York Times, entrato in possesso di nuovi e scottanti documenti segreti provenienti dalla Nsa - l'agenzia per la sicurezza nazionale statunitense -, l'intelligence americana sarebbe in grado di intercettare migliaia di computer non connessi a internet grazie ad un software installato ad insaputa dei proprietari. La tecnologia per controllare i pc degli utenti, viene usata dalla Nsa sin dal 2008 e funziona tramite delle onde radio trasmesse da microcircuiti e schede usb installate manualmente nei computer degli ignari proprietari.

Secondo sempre i documenti in mano al quotidiano newyorchese, gli obbiettivi controllati non sarebbero civili bensì “obiettivi segreti stranieri per esigenze di intelligence”. In pratica l'agenzia avrebbe messo sotto stretto controllo le forze armate cinesi e russe, alcuni enti dell’Unione Europea e delle persone legate ai cartelli messicani della droga. L'agenzia statunitense si difende dicendo di non aver mai fatto dello spionaggio industriale; ma secondo le rivelazioni del New York Times, il sistema potrebbe essere usato per scopi molteplici, compreso, appunto, lo spionaggio industriale.

Il Times ha pubblicato anche uno schemino, a mo' di infografica, per spiegare più efficacemente il sistema di sorveglianza della Nsa

Infografica Nsa

1. Piccoli circuiti elettronici o mini-ricetrasmittenti venivano collegati al computer o inseriti dentro una porta usb;

2. Le ricetrasmittenti si collegavano ad un ricevitore della Nsa portatile distante fino a otto chilometri;

3. I dati ricevuti venivano smistati al più vicino centro di controllo dell'agenzia e a sua volta veniva letto e modificato in base agli interessi della Nsa;

4. I dati, al bisogno, venivano inviati nuovamente al computer dell'intercettato sotto forma di malware come è successo agli impianti nucleari iraniani.

Alla luce delle recenti polemiche sulle intercettazioni all'estero, il 17 gennaio Barack Obama annuncerà la riforma della Nsa. Secondo le ultime indiscrezioni, Il presidente americano potrebbe proporre una nuova legge sulla privacy per tutelare gli interessi sia dei cittadini statunitensi che stranieri. Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, Obama potrebbe nominare un advocate for privacy issues, ossia un funzionario che garantirà la privacy dei cittadini e far da tramite con la Fisa - il Foreign intelligence surveillance act -, l'organo di controllo che autorizza la Nsa a intercettare le conversazioni. Finora l'organizzazione ha approvato solo le richieste arrivate direttamente dal governo senza passare, come succede per i reati comuni, dall'autorizzazione di un giudice. Con la nuova riforma si prevedono ulteriori restrizioni.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector