Penati rinuncia alla prescrizione

In una lunga lettera alla direzione provinciale del Pd milanese, l'ex presidente della provincia di Milano ed ex responsabile della segreteria politica di Bersani, Filippo Penati, accusato di corruzione a Monza per le tangenti sul “sistema Sesto“, promette che «se, al termine delle indagini che sono tuttora in corso, tutto non verrà chiarito, non sarò certo io a nascondermi dietro la  prescrizione».

[ad#owb-large]

Ma Penati va oltre la direzione locale. Infatti in questi giorni le critiche maggiori sono arrivate proprio dal segretario Pier Luigi Bersani - "non ci siano ombre e si arrivi alla verità" - al quale l'ex braccio destro del segretario Pd risponde indirettamente: «A tutti voglio ribadire che non accetterò, in nessun modo, un esito che lasci dubbi e zone oscure e a tutti voglio garantire che farò quanto necessario perché ciò non avvenga». Penati si dice «completamente estraneo ai fatti che mi vengono contestati» e che non «in passato, e non ho oggi, conti all’estero o tesori nascosti» in quanto non avrebbe mai «preso denaro da imprenditori» e non è «mai stato il tramite dei finanziamenti illegali ai partiti a cui sono stato iscritto.»

Il fatto è che almeno quattro persone lo accusano di aver intascato circa nove milioni di euro tra la fine del secolo scorso e e l'inizio di questo secolo, ed inoltre i Pm di Monza Walter Mapelli e Franca Macchia hanno trovato tra gli appunti di Di Caterina - grande accusatore di Penati - oltre 30 ricevute che vanno dai 2.500 ai 7.500 euro a favore di ignoti indicati con nomi in codice o sigle.

[ad]

Intanto, risulta indagato per corruzione anche Maurizio Pagani, manager di Banca Intesa, che avrebbe favorito il pagamento di tangenti per le aree ex Falck e Marelli. Le indagini a carico del manager riguardano il capitolo dell'inchiesta sull'acquisto da parte della Provincia di Milano delle quote dell'autostrada Milano-Serravalle. Secondo i pm di Monza Walter Mapelli e Franca Macchia, "ci sono gravi indizi sulla base di dichiarazioni de reato, sulle illiceità della costruzione di un'operazione finanziaria per l'acquisto a prezzi fuori mercato" della Milano-Serravalle da parte della Provincia di Milano quand'era guidata da Filippo Penati.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector