Progettazione Linee Vita

Ogni qual volta un tetto (o tettoia) diventa ambiente di lavoro (sia per lavori diretti, come il ripristino dell'isolamento, che indiretti, come la riparazione di un'antenna) vi è l'obbligo di installare una linea vita, fatta eccezione nel caso siano presenti altri sistemi di sicurezza collettivi (impalcatura attorno all'edificio).

Vista l'importanza di questo sistema di sicurezza, il legislato(180610185330)Linea 1re italiano ha emesso specifiche norme volte ad una corretta progettazione  linee  vita che stabiliscono punti chiave obbligatori che devono essere tenuti conto durante le fasi di progettazione. E' bene ricordare che non rispettare le norme comporti, in aggiunta a rischi inutili per i lavoratori, anche a sanzioni salate (a volte anche penali).

Essendo la normativa nazionale progettazione linee vita molto articolata e complessa, elenchiamo di seguito i principali punti chiave in essa contenuti:

  • utilizzare il miglior sistema tenendo conto della geometria della copertura nonché delle strutture di sostegno idonee all'ancoraggio dei supporti;
  • creare sistemi semplici da usare, evitando sistemi e che impediscano ai lavoratori di muoversi sufficientemente per svolgere al meglio il proprio lavoro e che impediscano un rapido "aggancio" (o "sgancio" dalla linea guida);
  • durante la progettazione linee vitaevitare il più possibile di rovinare l'isolamento o causare problemi strutturali più o meno gravi all'edificio;
  • creare Percorsi d'accesso, percorsi di transito ed esecuzione dei lavori idonei;
  • calcolare le giuste distanza anti caduta, nonché stabilire un chiaro ed efficace piano d'emergenza e misure di salvataggio idonee.

La normativa inoltre propone ulteriori obblighi in caso la struttura non sia raggiungibile in un tempo inferiore ai 20 minuti da vigili del fuoco, ovvero:

  • presenza durante qualsiasi operazione svolta due operatori abilitati (corsi di formazione specifici) ad operare in sospensione su funi a conoscenza delle tecniche di soccorso e recupero dell'operatore caduto e/o ferito;
  • presenza di dispositivi idonei al recupero dell'operatore caduto e/o ferito;
  • dotarsi di ancoraggi supplementari dedicati alle operazioni di recupero.
About the Author

Gli amministratori di OpenWorld

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector