I risultati della 2^ giornata di Serie A 2012-13

I risultati della 2^ giornata di Serie A 2012-13

La Juventus travolge l'Udinese al Friuli e coglie la seconda vittoria in campionato. Inter-Roma, il primo big-match del campionato, è appannaggio della squadra di Zeman. La Lazio - 3-0 al Palermo - e il Napoli - 2-1 ai viola - si portano in testa assieme ai bianconeri. Vittorie anche per Catania, Sampdoria e Parma. Il Milan e il Torino hanno vinto le loro partite ieri pomeriggio.

UDINESE-JUVENTUS. Il campionato non è nemmeno iniziato e la Juventus è già in fuga. I bianconeri asfaltano l'Udinese al Friuli e confermano di essere la squadra da battere in questa serie A. Impressionante la prova dei ragazzi di Conte e Carrera, in una gara però condizionata pesantemente dal rigore ed espulsione di Brkic che Valeri sanziona dopo 11 minuti per un atterramento di Giovinco. Un episodio dubbio (il rosso al portiere non ci sta e forseil fallo lo commette Danilo fuori dall'area) che spiana la strada alla Signora che da quel punto controllo alla grande la gara e dilaga con le reti di Vucinic e di un Giovinco, in grandissimo spolvero e sempre più inserito negli ingranaggi della squadra di Conte.

Dopo la mancata qualificazione ai gironi di Champions League e le voci del malumore di Guidolin, l'Udinese si rituffa in campionato a caccia della prima vittoria stagionale in una gara ufficiale e propone un 3-5-1-1 con il neoacquisto Lazzari a centrocampo e Fabbrini confermato alle spalle di Di Natale. Dopo la mancata qualificazione ai gironi di Champions League e le voci del malumore di Guidolin l'Udinese si rituffa in campionato a caccia della prima vittoria stagionale in una gara ufficiale e propone un 3-5-1-1 con il neoacquisto Lazzari a centrocampo e Fabbrini confermato alle spalle di Di Natale. La Juventus invece recupera due pilastri come Buffon e Chiellini, che hanno recuperato dai rispettivi guai muscolari. I rientri dei due nazionali sono le uniche modifiche di Conte e Carrera che per il resto confermano per nove/undicesimi la formazione col Parma. Nuova chance per Giovinco che è confermato al fianco di Mirko Vucinic in avanti.

L'Udinese nonostante le delusioni parte bene e risponde colpo su colpo ad una Juventus arrembante che già al 3' potrebbe passare se Lichsteiner, innescato da un lancio illuminante di Pirlo, a tu per tu con Brkic non provasse un pallonetto senza convinzione che termina alto sopra la traversa. L'Udinese non sta a guardare ma all'11esimo minuto la partita si complica maledettamente per i friulani. Ennesimo lancio col contagiri di Pirlo per Giovinco che si invola verso la porta, l'attaccante bianconero viene spintonato da dietro con astuzia da Danilo e poi travolto da Brkic che però fa tutto per evitare il contatto con l'attaccante. Valeri all'inizio lascia correre poi, consultandosi con Rizzoli, sceglie di concedere il rigore e di espellere Brkic, una decisioneche lascia perplessi e che fa imbufalire lo stadio che inizia a fischiare pesantemente la terna arbitrale. Guidolin è costretto a richiamare Fabbrini per inserire il secondo portiere Padelli. Dal dischetto si presenta Vidal che, a differenza di sette giorni fa, non sbaglia siglando il primo gol stagionale.

L'Udinese, in una condizione psicologica già deficitaria, si innervosisce e rischia di perdere la testa facendosi perdere dal nervosismo: gli animi si tranquillizzano però la Juventus continua a giocare sul velluto e a creare occasioni da gol come quella di Vucinic che viene stoppato da una strepitosa deviazione di Padelli (è il 35'). Il gol non tarda ad arrivare e si materializza puntualmente al 45': discesa di Asamoah sulla sinistra che pesca a centroarea Vucinic che con un piatto delizioso da fermo spedisce il pallone sul secondo palo dove Padelli non può proprio arrivare.

Nella ripresa la Juventus gioca sul velluto: i bianconeri fanno girare alla grande il pallone, giocano con gli esterni altissimi a centrocampo e sono abilissimi a sfruttare le deficenze dell'Udinese che prende l'imbarcata quando si accende anche a Giovinco che, dopo aver sfiorato un gol al 48' (destro alto dopo un bel numero su Basta) trova il primo gol della sua nuova avventura in bianconero scaraventando in rete da due passi un pallone svirgolato da Padelli. Il gol galvanizza la Formica Atomica che al 69' cala il bis con un diagonale chirurgico da posizione defilata. Non è neanche il 70' e non c'è più una partita al Friuli dove l'Udinese, sostenuta comunque dal tifo del pubblico, non molla e trova il gol della bandiera con Lazzari abile a scaraventare in rete un pallone vagante da due passi. Un neo che non rovina una domenica da incorniciare per la Juventus che da Udine lancia un messaggio chiaro al campionato: i campioni in carica non hanno nessuna voglia di abdicare.

INTER-ROMA. La Roma di Zeman espugna San Siro e porta a casa i primi tre punti della nuova stagione. Nel 3-1 finale a segno Florenzi, Osvaldo e Marquinho per la Roma mentre per l‘Inter il goal dell'illusorio pareggio è stato realizzato da Cassano. Bella dimostrazione di forza per la Lupa, tanti gli interrogativi lasciati in eredità dai nerazzurri di Stramaccioni.

Strama si affida al 4-3-1-2 con Castellazzi in porta; difesa con Zanetti, Nagatomo, Silvestre e Ranocchia; Alvaro Pereira, Cambiasso e Guarin a centrocampo; Snejider dietro le due punte Cassano e Milito. Zeman risponde col suo classico 4-3-3: Stekelemburg in porta; Piris, Castan, Burdisso e Balzaretti in difesa; Florenzi, De Rossi, Tachtsidis a centrocampo e il tridente composto da Osvaldo, Totti e Destro.

La partita inizia a ritmi blandi con le due formazioni che si studiano, Stramaccioni teme la veemenza dell' attacco di Zeman e sta sulla difensiva ma anche il boemo gioca con cautela e la Roma non scopre mai il fianco.

Al 15‘ però la partita cambia: Totti fa partire dalla sinistra un cross delizioso, ne approfitta Florenzi che stacca in anticipo e porta in vantaggio i suoi. Il goal però sveglia l‘Inter che con Milito e Snejider prova a rendersi pericolosa in più occasioni.

La difesa giallorossa tiene bene gli attacchi avversari ma rischia su un‘azione personale di Nagatomo che però spara alto da ottima posizione. Prima della fine del primo tempo l‘Inter trova il pari: Cassano controlla in area e fa partire un destro deviato dalla schiena di un difensore romanista, il tiro diviene una palombella velenosissima che beffa Stekelemburg e pareggia i conti. Si va al riposo sull' 1 a 1.

Il secondo tempo inizia subito forte, con occasioni da una parte e dall'altra, ma è la Roma ad andare più volte vicina al goal. Goal che arriva puntuale al minuto 67: lancio illuminante di Totti che pesca Osvaldo tra due difensori nerazzurri, l‘italo argentino controlla e batte Castellazzi con uno scavino delizioso.

L‘Inter accenna a una reazione ma è ancora la Roma ad andare in rete: Osvaldo trova Marquinho che stoppa col mancino e calcia in porta con lo stesso piede battendo per la terza volta Castellazzi.

Nel finale viene espulso Osvaldo per doppia ammonizione ma l‘Inter è ormai alle corde e Zeman può così portare a casa i primi tre punti della sua avventura giallorossa.

I risultati completi della seconda giornata

Catania - Genoa 3-2
Sampdoria - Siena 2-1
Parma - Chievo 2-0
Napoli - Fiorentina 2-1
Lazio - Palermo 3-0
Inter - Roma 1-3
Cagliari - Atalanta 1-1
Udinese - Juventus 1-4

Bologna - Milan 1-3 (giocata sabato)
Torino - Pescara 3-0 (giocata sabato)

La classifica dopo la seconda giornata

PARTITE CASA TRASFERTA GOAL
PT G VINTE PARI PERSE VINTE PARI PERSE VINTE PARI PERSE GF GS
1 Juventus Juventus 6 2 2 0 0 1 0 0 1 0 0 6 1
2 Napoli Napoli 6 2 2 0 0 1 0 0 1 0 0 5 1
3 Lazio Lazio 6 2 2 0 0 1 0 0 1 0 0 4 0
4 Sampdoria Sampdoria 5 2 2 0 0 1 0 0 1 0 0 3 1
5 Roma Roma 4 2 1 1 0 0 1 0 1 0 0 5 3
6 Catania Catania 4 2 1 1 0 1 0 0 0 1 0 5 4
7 Torino Torino 3 2 1 1 0 1 0 0 0 1 0 3 0
8 Genoa Genoa 3 2 1 0 1 1 0 0 0 0 1 4 3
9 Inter Inter 3 2 1 0 1 0 0 1 1 0 0 4 3
10 Milan Milan 3 2 1 0 1 0 0 1 1 0 0 3 2
11 Fiorentina Fiorentina 3 2 1 0 1 1 0 0 0 0 1 3 3
12 Chievo Chievo 3 2 1 0 1 1 0 0 0 0 1 2 2
13 Parma Parma 3 2 1 0 1 1 0 0 0 0 1 2 2
14 Cagliari Cagliari 1 2 0 1 1 0 1 0 0 0 1 1 3
15 Udinese Udinese 0 2 0 0 2 0 0 1 0 0 1 2 6
16 Bologna Bologna 0 2 0 0 2 0 0 1 0 0 1 1 5
17 Palermo Palermo 0 2 0 0 2 0 0 1 0 0 1 0 6
18 Pescara Pescara 0 2 0 0 2 0 0 1 0 0 1 0 6
19 Atalanta Atalanta -1 2 0 1 1 0 0 1 0 1 0 1 2
20 Siena Siena -5 2 0 1 1 0 1 0 0 0 1 1 2
About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector