Romney torna in testa nei sondaggi, ma continua con le gaffe

Romney torna in testa nei sondaggi, ma continua con le gaffe

La schiacciante vittoria in Florida apre la strada a Mitt Romney.
Gli ultimi dati in Nevada infatti lo danno in vantaggio di ben venti punti su Newt Gingrich:

Mitt Romney: 45%
Newt Gingrich: 25%
Rick Santoum: 11%
Ron Paul: 9%

Per Gallup inoltre è tornato in testa nei sondaggi nazionali col 31 per cento contro il 26 dell'avversario, anche se la media di Real Clear Politics dà ancora in testa l’ex presidente della Camera di appena un punto. Il sorpasso proprio nel giorno in cui il "diavolo" Donald Trump licenzia Gingrich decidendo di appoggiare l'ex governatore.

Mitt Romney ha però nuovamente fatto una gaffe, e non da poco a leggerla così. In un'intervista alla Cnn dopo la vittoria in Florida, Mitt ha detto che non è "molto preoccupato per i molto poveri" perché la sua campagna elettorale è focalizzata sulla classe media.
In realtà il discorso di Romney è stato a più ampio respiro: «Sono in questa campagna perché mi interessa l'America. Non sono preoccupato per i molto poveri. Loro hanno una rete di sicurezza. Se ha bisogno di essere riparata lo farò. Non sono nemmeno preoccupato per i molto ricchi – ha precisato il candidato repubblicano -, che stanno più che bene. La mia reale preoccupazione è per il cuore dell'America, il 90 per cento, il 95 per cento degli americani che ora sono in difficoltà». Gingrich prenderà per oro colato queste ultime parole del frontrunner del Massachusetts.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector