Cosa vedremo stasera a Sanremo

Cosa vedremo stasera a Sanremo

Contestata la presenza della coppia gay composta da Stefano Olivari e Federico Novaro. Momenti di comicità con Maurizio Crozza e Luciana Littizzetto si alterneranno ad altri di grande musica. Tra gli ospiti il cantautore brasiliano Caetano Veloso e il tenore Andrea Bocelli

Nevica fuoriosamente su Sanremo e continua a piovere sul bagnato. Niente paura. Il Festival non va da nessuna parte, a meno che Berlusconi non dica a Fazio dove intende portarlo.

Le polemiche non si sono ancora placate. Trasmettere il Festival di Sanremo in concomitanza con le conferenze stampa dei leader politici che andranno in onda su RAI 2 appare ancora un affare svantaggioso poiché impedirebbe una completa informazione degli elettori. In effetti c'è il rischio che qualcuno possa anche distrarsi!

E poi c'è la questione della satira in fase pre-elettorale. Come non ammettere, però, che quel simpaticone di Silvio Berlusconi sia una fonte inesauribile di spunti comici? Il clamore dello stesso Festival viene anticipato con la freddura di Fabio Fazio che risponde ironicamente al candidato Premier che tenta di rimandare la kermesse a dopo le elezioni.

Da qui  il vicepresidente della Camera Antonio Leone (PdL) ha espresso la sua preoccupazione: "Temo che assisteremo al solito show di ospiti in chiave antiberlusconiana, che poi si assolveranno, insieme alla Rai, invocando il diritto di satira''.

Ai microfoni del Tg1  il padrone di casa Fabio Fazio rilancia: "Il festival non è impermeabile alla realtà. La satira fa bene a tutti, anzi uno arriva più forte''.

Premesso che controlli e autocontrollo saranno d'obbligo, non c'è niente di male a prendersi un po' in giro. Lo farà per primo il conduttore, accompagnato dalla primadonna del Festival: Luciana Littizzetto. Insieme è previsto che ballino e che cantino. E se nemmeno i due presentatori rimarranno ingessati figuriamoci gli altri ospiti!

Benchè sia stata contestata, è romantica e apprezzabile la scelta di lasciare spazio sul palco a Stefano Olivari e Federico Novaro, la coppia gay che sta spopolando sul web grazie a un video casalingo (Legalize Love) in cui si dicono costretti a celebrare le proprie nozze a New York il giorno di S. Valentino, dopo 11 anni d'amore, non essendo possibile sposarsi nel proprio Paese.

Questo è solo un assaggio di quello che vedremo nelle serate tra il 12 e il 16 febbraio.

Martedì, durante la serata d'apertura si esibiranno i primi 7 Big: Chiara Galiazzo, Raphael Gualazzi, Maria Nazionale, Marta sui Tubi, Marco Mengoni, Simona Molinari con Peter Cincotti, Daniele Silvestri.

Allieteranno la serata Toto Cutugno e Maurizio Crozza a cui Fazio ha lasciato completamente carta bianca. Come per il comico genovese, anche gli interventi di «Lucianina» rimarranno un mistero finché non verranno accese le telecamere.
Durante la seconda serata è prevista l'esibizione di Almamegretta, Annalisa, Simone Cristicchi, Elio e le Storie Tese, Max Gazzè, Malika Ayane e Modà.

Lo spettacolo sarà intervallato dall'arrivo della splendida modella israeliana Bar Refaeli insieme al connazionale cantautore Asaf Avidan. L'occasione è ghiotta anche per Beppe Fiorello  che presenterà sul palco dell'Ariston il suo "Modugno" (miniserie in due parti in onda su RaiUno lunedì 18 e martedì 19 febbraio). Attesi anche i Ricchi e Poveri. Al Bano sarà presente per la terza serata insieme al pianista di fama mondiale Daniel Barenboim.

Come da qualche anno a questa parte durante il corso della quarta serata ad essere messe a votazione non sono solo le nuove canzoni ma anche le interpretazioni in duetto con artisti internazionali o nazionali di grande fama. Ai 14 big in concorso  viene chiesto di selezionare un brano che ha fatto la storia di Sanremo e riproporlo in compagnia di un altro artista. Vediamoli nel dettaglio.

Almamegretta: Il ragazzo della via Gluck (Adriano Celentano, 1966)

Malika Ayane: Cosa hai messo nel caffè (Riccardo Del Turco, 1969)

Simone Cristicchi: Canzone per te (Sergio Endrigo, 1968)

Elio e le storie tese in duetto con Rocco Siffredi: Un bacio piccolissimo (Robertino, 1964)

Chiara Galiazzo: Almeno tu nell'universo (Mia Martini, 1989)

Max Gazzè: Ma che freddo fa (Nada, 1969)

Raphael Gualazzi: Luce (tramonti a nord est) (Elisa, 2001)

Marta sui Tubi in duetto con Antonella Ruggiero: Nessuno (Mina, 1959)

Marco Mengoni: Ciao amore ciao (Luigi Tenco, 1967)

Simona Molinari con Peter Cincotti in duetto con Franco Cerri: Tua (Jula De Palma-Tonina Torrielli, 1959)

Modà: Io che non vivo (Pino Donaggio, 1965)

Maria Nazionale: Perdere l'amore (Massimo Ranieri, 1988)

Annalisa Scarrone in duetto con Emma Marrone: Per Elisa (Alice, 1981)

Daniele Silvestri: Piazza Grande (Lucio Dalla, 1972)

Venerdì il cantautore brasiliano Caetano Veloso che ha ricevuto da poco il prestigioso Grammy Awards come Personaggio dell'Anno 2012, calcherà il palco del più importante festival della canzone italiana per raccontarci dei suoi 40 intensi anni di carriera. Ancora in forse la presenza del ballerino Lutz Foster così come nell'ultima serata quella del maestro Daniel Harding. Nel gran finale di sabato protagonista assoluta sarà la musica. Non poteva quindi mancare l'intervento del tenore Andrea Bocelli e la bellezza di Bianca Balti.

About the Author

Il cinema, poi io e infine Bianchina

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector