Lo strip-tease di Sua Sanità

Lo strip-tease di Sua Sanità

Magari vederlo nudo in piazza, ad Assisi, è pretendere troppo. Però ci aspettiamo una parola di speranza: in fondo il nome se l'è scelto da solo. Aspettiamo che Francesco si decida a scoperchiare, motu proprio, il verminaio della sanità privata cattolica: un impero secolare, nel doppio significato del termine, che con l'originaria vocazione non ha davvero più nulla che spartire; che di caritatevole porta solo il nome tanto è vero che hanno deciso subito di sospendere le prestazioni non appena la scure della spending review di Bondi ha tagliato il flusso di decine di miliardi che ha irrorato la sanità vaticana, in tutta la storia della Repubblica, sotto l'occhio vigile di Sua Sanità, il Cardinale Angelini.

Sanità privata pagata con soldi pubblici. Naufragata negli scandali di Verzè, Cal, Decaminada, in fallimenti, amministrazione controllata, dipendenti non pagati, ruberie. Ecco, magari annunciare che su tutta questa roba qui si deve pagare - in silenzio - l'Imu non sarà uno striptease. Ma sempre meglio di niente.

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector