I coraggiosi del Pdl

I coraggiosi del Pdl

Berlusconi e Alfano ai ferri corti a 24 ore dalla Direzione nazionale di domani sera, il delfino del Cavaliere produce lo strappo e crea i gruppi parlamentari autonomi: sono già in 31 al Senato, compreso il presidente Schifani, che si è dimesso, e 27 alla Camera.

Berlusconi, di fatto, è già all'opposizione e medita vendetta. A cominciare dall'ex pupillo: «Alfano vuole fare il grande centro, ma sarà solo la stampella della sinistra. Il governo lo buttiamo giù in pochi mesi». Si profila, dunque, un fine autunno di fuoco nel centrodestra. E chissà che ad Alfano e i suoi toccherà la stessa sorte di un altro 'traditore', quel Gianfranco Fini che, come Alfano, era il fedele braccio destro dell'uomo di Arcore.

Alfano ribadisce ai giornalisti la scissione dal Pdl: «Non aderiamo a Forza Italia. Sono pronti nuovi gruppi che si chiameranno 'Nuovo Centrodestra'. Mi trovo qui per compiere una scelta che non avrei mai pensato di compiere. Non aderire a Forza Italia. Sento fortissimo il bisogno di ribadire che in questi 20 anni non abbiamo sbagliato speranze, ideali e persona. Siamo amici del presidente Berlusconi a cui ribadiamo amicizia e sostegno. Lo sosterremo all'interno del governo a iniziare da una giustizia più giusta e dall'abbassamento delle tasse e di tutte le storiche battaglie. Ma questa non è la Forza Italia che abbiamo conosciuto nel '94. Saremo attaccati, ma non avremo paura, combatteremo per affermare le nostre idee. Questa sera abbiamo un buon alleato, la nostra buona coscienza».

Renato Schifani, presidente dei senatori del Pdl, sancisce la rottura con una nota: «Dopo aver preso atto della costituzione del nuovo gruppo al Senato, nato da una costola del Pdl, ritengo doveroso rassegnare le mie dimissioni da presidente del gruppo del Popolo della Libertà a Palazzo Madama».

Sergio Pizzolante, alfaniano della prima ora, all’uscita del palazzo di Santa Chiara, a San Lorenzo in Lucina dove domani sera rinascerà Forza Italia, taglia corto: «Ora ci sono due partiti diversi, alleati sulla difesa di Berlusconi, distanti sul governo e sulla prospettiva si vedrà».

Nel pomeriggio, Roberto Formigoni aveva affidato all'etere il suo pensiero: «Ovviamente non parteciperemo al Consiglio nazionale domani. Non c'è scissione perché il partito non c'è più, siamo 37 al Senato e 23 alla Camera - e conclude - poi è stata bocciata dai falchi». Nella sua timeline di Twitter, l'ex presidente lombardo indica le motivazione per la mancata presenza in Direzione nazionale degli alfaniani:

 

Dall'altro lato, l'uomo forte del braccio berlusconiano, Raffaele Fitto, appena lette le dichiarazioni del ministro dell’Interno a San Lorenzo in Lucina, ci va giù durissimo: «Da Alfano è venuto un atto gravissimo contro la sua stessa storia e contro Silvio Berlusconi, i nostri programmi e i nostri elettori. Il vero popolo di centrodestra giudicherà».

Da Michaela Biancofiore arriva l'invito a non seguire il ministro dell'Interno: «Faccio appello ai molti colleghi che sono antropologicamente, idealmente e per storia personale avversi alle sinistre, di non seguire Alfano in una incomprensibile deriva di appoggio ad un governo monocolore Pd». E questo è solo l’inizio.

Oggi intanto Berlusconi ha inviato una lettera ai parlamentari del Pdl prima di sancire, con la Direzione di domani, la rinascita di Forza Italia. Di seguito il testo della lettera.

E’ il giorno in cui insieme sanciremo il ritorno a Forza Italia. E’ l’arrivo di un cammino che abbiamo deciso insieme nei mesi passati. Dietro di me, nella foto di famiglia, quel 19 settembre, meno di due mesi fa, mentre inauguravamo la nuova sede del partito, c’erano tutti i dirigenti del nostro grande movimento. Questa è solo la prima tappa del cammino intrapreso. Da domani tutti dovremo impegnarci a rilanciare davvero il centro-destra italiano, la parte politica in cui si riconosce la maggioranza dei cittadini di questo Paese. Dovremo lavorare insieme per rilanciare i valori profondi in cui crediamo, quelli che ci hanno tenuto insieme per venti difficili anni. L’efficienza coniugata con l’equità, la meritocrazia e la solidarietà, la giustizia e la libertà, insomma l’orgoglio di lavorare per un Paese diverso e migliore.

Nel mio ultimo video-messaggio ho invitato tutti gli italiani che condividono i nostri valori a scendere in campo con noi, convinto che questa sia davvero l’ultima chiamata, l’ultima chance prima che la nostra Italia precipiti nel baratro della crisi e della ingiustizia.
Ora vi chiedo: dopo lo spettacolo che la nostra classe dirigente ha offerto in queste ultimi giorni, perché un padre di famiglia, una donna, un giovane dovrebbe raccogliere questo appello. Perché i moderati italiani dovrebbero unirsi a noi, quando fossimo noi i primi a dividerci.
In questi giorni ho ascoltato le ragioni di tutti. Con la pazienza che tutti mi riconoscono ho cercato di trovare soluzioni che uniscano, spesso senza comprendere neppure le ragioni di una divisione.

Domani dal palco del Consiglio Nazionale ripeterò quello che ho già detto più e più volte, fino allo sfinimento. Forza Italia è la casa di tutti, di coloro che hanno contribuito a fondarla, di coloro che si sono spesi per farla crescere, di quelli che vi hanno aderito o decideranno, spero, di aderirvi nel prossimo futuro. E’ la casa di chi crede nella grande forza dei moderati italiani. E’ la casa di chi antepone l’amore all’odio, di chi non coltiva l’invidia e la maldicenza, di tutti coloro che all’egoismo e ai piccoli, talvolta meschini, interessi personali antepongono sempre il bene comune.

Su questi valori, venti anni fa, ho fondato Forza Italia. Non cambierò io, non cambierà Forza Italia. Se così non fosse, se Forza Italia diventasse qualcosa di diverso, di piccolo e meschino, se diventasse preda di una oligarchia, se rischiasse una deriva estremista, sarei io che l’ho fondata a non riconoscermi più in questo progetto. Domani dal palco ripeterò ancora una volta le ragioni per cui è indispensabile restare uniti e lottare insieme, noi moderati per unire i moderati.

Domani sarà l’occasione per confrontarci e discutere. Come si fa in ogni famiglia. Ognuno porterà le sue idee. Ognuno è chiamato a dare il proprio contributo al disegno comune. Con civiltà, senza pregiudizi, senza retro pensieri.
Domani sarà il momento del confronto, davanti ai nostri elettori, perché a loro, ricordiamolo sempre, dobbiamo la nostra lealtà e a loro dobbiamo garantire il nostro impegno. Ho sentito parlare di raccolte di firme tra i nostri parlamentari: le uniche firme che a me interessano sono quelle di milioni di donne e di uomini che hanno creduto e credono in noi. E che nelle urne ci hanno concesso la loro fiducia.

E dopo aver parlato e ascoltato decideremo insieme il nostro futuro. Ognuno, dopo aver parlato ed ascoltato, sarà libero di fare le sue scelte. Ricordandosi della responsabilità che il voto di milioni di persone ci ha affidato e che a loro e solo a loro ognuno di noi è chiamato a rispondere del proprio operato.
Chi non si riconosce più nei valori del nostro movimento è libero di andarsene. Ma chi ancora ci crede ha il dovere di restare e combattere perché questi valori trionfino finalmente nel nostro Paese. Perché ora più che mai, in questo momento buio per l’economia e per la giustizia, ora più che mai tutti insieme dobbiamo difendere la nostra libertà, dobbiamo batterci con Forza Italia, perché siamo convinti che la difesa della libertà è la missione più alta, più nobile e più entusiasmante che ci sia.

E’ questa la missione principale per poter costruire il nostro Paese come un Paese dove nessuno possa temere se va al Governo il suo avversario politico, un Paese dove lo Stato e le sue istituzioni siano sentite come la casa di tutti e non invece come un nemico, come un nemico che è in agguato, un Paese dove lo Stato attraverso lo strumento fiscale non espropri i cittadini dei risparmi e dei beni che con il loro lavoro e i loro sacrifici sono riusciti a conquistarsi, un Paese dove non ci siano giudici che usino i loro poteri per eliminare gli avversari politici.
Questa è la missione che ci siamo dati a partire dal 1994, la missione per cui siano scesi in campo, la missione per cui abbiamo lottato in questi venti anni sconfiggendo il pericolo di una definitiva presa del Governo da parte di una sinistra che non ha mai rinnegato la sua ideologia e la sua storia.

I principali alfaniani

I lealisti a Silvio Berlusconi

About the Author

Giornalista freelance, si occupa di comunicazione politica per il Partito Democratico friulano, responsabile comunicazione Pd Cordenons e dei social media del Pd della provincia di Pordenone. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica americana e le primarie statunitensi. Twitter @giacomo_lagona, @PDCordenons, @PDFVG #PdCommunity

1 Comments
  1. 31 dicembre 2013 at 17:27
    Reply

    […] suoi ministri fossero la giovane e spigliata Italia del futuro. Tre mesi fa c’era chi pensava che Alfano fosse la destra di stampo europeo che in Italia non c’è mai […]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector