Wikileaks svela gli accordi tra Kissinger e Formigoni

Wikileaks svela gli accordi tra Kissinger e Formigoni

Nel 1975 don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione, incontrò il console americano a Milano per parlare del "pericolo stalinista" (alle elezioni regionali del 15 e 16 giugno il Pci registrò il 33,4%, solo due punti sotto la Dc), e si accordarono in modo che gli Stati Uniti finanziassero il 'Movimento Unitario Popolare', Mup, il braccio politico di CL. Lo scrive oggi L'Espresso rendendo pubblici i nuovi documenti diffusi da Wikileaks, nei quali viene svelato l'accordo segreto tra ciellini e statunitensi per dare un “contributo alla democrazia italiana”. Dietro al Movimento Unitario Popolare c'era Roberto Formigoni, il futuro cardinale di Milano Angelo Scola e Sante Bagnoli di Jaca Book.

Questo è lo scenario in cui si muovono gli americani nel 1975. Nero come la pece, dal loro punto di vista. Ma in fondo al tunnel vedono una luce: don Giussani e la sua Cl. Lo incontrano nel dicembre 1975 e Giussani spiega loro che il suo movimento è dedicato a promuovere la vita cristiana, ma ha anche un braccio politico: il 'Movimento Unitario Popolare' o Mup, «fondato con riluttanza per gestire le attività della politica». E il Mup sta facendo bene, anzi benissimo: da Milano a Catania, attrae giovani e militanti della DC, anche un leader come Massimo De Carolis, democristiano, piduista ed esponente della cosiddetta 'maggioranza silenziosa' che in quegli anni punta a mobilitare la borghesia contro i comunisti- voleva salire a bordo di Cl. Ma Giussani racconta agli americani che non ce l'hanno voluto: «c'è il rischio che porti dentro il Mup le lotte delle correnti Dc», confessa.
Quanto al finanziamento, il fondatore di Cl spiega che il suo movimento si sostiene con il contributo dei fondatori, «mentre il Mup non ha affatto soldi». Non solo: serve «un braccio mediatico, c'è disperatamente bisogno di un settimanale non cattolico», teorizza don Giussani, perché 'Famiglia Cristiana' si rifiuta di supportare il suo gruppo e se anche lo facesse, non fornirebbe comunque l'accesso ai gruppi sociali di cui ha bisogno Cl. Serve in particolare una radio locale, che «sarebbe un'arma potente» e serve trovare un sistema di accesso alla distribuzione dei film, che sono in mano alla sinistra e quindi di cinema a contenuto cattolico non se ne vede. «Come possiamo aiutare questo nuovo contributo alla democrazia italiana?», chiede il console di Milano, durante l'incontro con don Giussani? «Aiutate il Mup», risponde lui, spiegando che «la forza trainante dietro il Movimento Unitario Popolare è Formigoni con don Scola e Santo Bagnoli della Jaca Book».

Leggi il resto su L'Espresso

About the Author

Gli amministratori di OpenWorld

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
free vector